International Business

Internazionalizzazione delle imprese: bonus e incentivi dal 27 luglio

foto di Martina Zordan
AUTORE: Martina Zordan
m.zordan@studiolegally.com
icona di linkedin

La nuova edizione per i finanziamenti Simest a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese e delle filiere italiane debutterà il 27 luglio 2023.

Nello specifico, il nuovo sportello si articola in 6 linee di intervento, di cui due del tutto nuove.

In particolare, per la prima volta, saranno sostenuti gli investimenti per la transizione ecologica e digitale e per certificazioni e consulenze.

A queste due nuove linee si affiancano le linee “classiche”:

  • apertura di sedi all’estero;
  • partecipazione a fiere internazionali;
  • sviluppo dell’e-commerce;
  • inserimento di un Temporary Manager.

Il nuovo assetto delle agevolazioni è stato definito dal decreto 1° giugno 2023 del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 164 del 15 luglio 2023) e dalle circolari Simest n. 3/394/2023, n. 4/394/2023, n. 5/394/2023, n. 6/394/2023, n. 7/394/2023 e n. 8/394/2023.

Nello specifico, con la nuova serie di agevolazioni, sono stabilite condizioni vantaggiose per le imprese colpite dai rincari energetici o dalla recente alluvione e per le imprese e filiere con interessi diretti nei Balcani Occidentali.

Inoltre, è riconosciuto un contributo a fondo perduto fino al 10% alle PMI innovative, giovanili, femminili o con sede operativa al Sud e alle imprese con requisiti di sostenibilità. Le risorse complessivamente a disposizione ammontano a 4 miliardi di euro, dedicati in prevalenza alle PMI.

Inserimento nei mercati esteri

Questa linea di intervento agevola programmi per la realizzazione di investimenti sui mercati internazionali, volti a consentire una presenza stabile dell’impresa beneficiaria nei mercati di riferimento, finalizzata al lancio e alla diffusione di beni o servizi prodotti in Italia o distribuiti con marchio italiano oppure all’acquisizione di nuovi mercati.

L’investimento può essere realizzato mediante:

  1. l’apertura di una nuova struttura di tipologia di negozio in un Paese estero dove non è presente l’impresa richiedente;
  2. l’apertura di nuove strutture, purché di diversa tipologia (uno spazio in area commerciale – corner, uno showroom e un ufficio) con esclusione del negozio, in un Paese estero in cui non siano già presenti strutture dell’impresa richiedente;
  3. il potenziamento di una struttura già esistente purché diversa dal negozio in un Paese estero, mediante:
  • l’apertura di una nuova struttura, diversa da un negozio, più grande in sostituzione di una struttura esistente della medesima tipologia;
  • l’apertura di una nuova struttura, diversa da un negozio, in aggiunta a una struttura esistente di diversa tipologia;
  • l’ampliamento di una struttura esistente, diversa da un negozio;
  • l’inserimento di personale aggiuntivo per lo svolgimento di mansioni non correlate all’attività commerciale di vendita e operante in via esclusiva all’estero presso la stessa struttura.

Il programma può avere ad oggetto le seguenti tipologie di strutture: ufficio, showroom, negozio, spazio in area commerciale.

È bene evidenziare che sono, in ogni caso, escluse le spese per la costituzione o il potenziamento di una rete di distribuzione.

Infine, si specifica che possono accedere all’intervento agevolativo le imprese che hanno depositato presso il Registro delle imprese almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi.

Fiere ed eventi

Questo intervento sostiene la partecipazione, anche in Italia, fino a massimo 3 eventi di carattere internazionale, anche virtuali, tra: fiere, mostre, missioni imprenditoriali o di sistema, per promuovere l’attività d’impresa sui mercati internazionali.

In questo caso sono ammesse le imprese che abbiano depositato presso il registro delle imprese:

  • almeno un bilancio relativo a un esercizio completo per domande fino a 150.000 euro;
  • almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi per domande superiori a 150.000 euro.

E-commerce

Mediante tale linea di intervento vengono finanziate operazioni finalizzate allo sviluppo di nuove soluzioni di e-commerce per la commercializzazione in paesi esteri di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano, attraverso:

  • la creazione di una nuova piattaforma propria; oppure
  • il miglioramento di una piattaforma propria già esistente; oppure
  • l’accesso a una piattaforma di terzi con la creazione di un proprio spazio/store (market place).

In questa ipotesi l’accesso al sostegno finanziario è consentito alle imprese che, alla data di presentazione della domanda, abbiano depositato presso il Registro imprese almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi.

Temporary manager

Questa linea di intervento sostiene l’inserimento temporaneo da parte di imprese italiane di figure specializzate (Temporary Manager), per la realizzazione di progetti di innovazione tecnologica, digitale o ecologica, a sostegno dell’internalizzazione dell’impresa sui mercati internazionali.

L’inserimento temporaneo di Temporary Manager deve essere regolato da un Contratto di Temporary Management stipulato esclusivamente con una Società di servizi terza.

È importante sottolineare che, anche in questo caso, possono accedere alle agevolazioni le imprese che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi.

Transizione digitale ed ecologica

È una delle due nuove linee di intervento della rinnovata serie di agevolazioni. In particolare, mediante questa linea di intervento viene supportata la realizzazione di:

  • investimenti per l’innovazione digitale: integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali; realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale; investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali; consulenze in ambito digitale (digital manager); disaster recovery e business continuity; blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali); spese per investimenti e formazione legate all’Industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, Internet of Things e delle macchine);
  • investimenti per la transizione ecologica: spese per investimenti per la sostenibilità ambientale e sociale, anche in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc.); spese per ottenimento e mantenimento delle certificazioni ambientali connesse agli investimenti oggetto del finanziamento;
  • investimenti per il rafforzamento patrimoniale dell’impresa.

L’impresa dovrà destinare almeno il 50% dell’agevolazione ottenuta a investimenti digitali e/o ecologici, e la restante parte, fino al 50%, può essere destinata a ulteriori investimenti volti al rafforzamento patrimoniale. Nello specifico, tale percentuale destinata a ulteriori investimenti è elevata fino a:

  1. 70% dell’importo deliberato per imprese che:
  • hanno subito un incremento dei costi energetici pari al 100%;
  • hanno un fatturato export pari ad almeno il 20% in fase di presentazione della domanda;
  1. 80% dell’importo deliberato per le imprese con interessi nei Balcani Occidentali;
  2. 90% dell’importo deliberato per le Imprese localizzate nei territori colpiti dagli eventi alluvionali verificatisi a partire dal 1° maggio 2023 individuati nell’Allegato 1 del D.L. n. 61/2023.

Possono accedere agli interventi agevolativi le imprese che hanno depositato presso il Registro delle imprese almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi e che abbiano realizzato un fatturato export pari ad almeno il 10% dell’ultimo bilancio o, in alternativa, siano una PMI produttiva, con un fatturato export pari ad almeno il 3% dell’ultimo bilancio, facente parte di una filiera produttiva di almeno 3 imprese clienti (con contratti di fornitura stipulati da almeno 12 mesi dalla presentazione della domanda).

Certificazioni e consulenze

Si tratta della seconda nuova linea di intervento della rinnovata serie di finanziamenti.

In tale ipotesi vengono agevolati investimenti volti a favorire la realizzazione di progetti di internazionalizzazione dell’impresa aventi ad oggetto:

  • consulenze specialistiche e studi di fattibilità per l’internazionalizzazione dell’impresa – inclusa la formazione relativa a tematiche di export e internazionalizzazione – e/o per l’innovazione digitale, tecnologica, di prodotto nell’ottica dell’internazionalizzazione dell’attività d’impresa;
  • l’ottenimento di certificazioni di prodotto, per la tutela di diritti di proprietà intellettuale, di certificazioni di sostenibilità e innovazione tecnologica.

Apertura del Portale Simest

Le domande di accesso alle agevolazioni dovranno essere compilate ed inviate esclusivamente tramite il Portale di Simest, a partire dalle ore 9.00 del 27 luglio 2023 fino ad esaurimento delle risorse complessive disponibili.

Dal 27 luglio 2023, il Portale dei finanziamenti sarà disponibile al nuovo indirizzo web www.portalefinanziamenti.simest.it.

Leggi gli altri articoli
Al via i bandi di finanziamento Brevetti+, Disegni+ e Marchi+ per il 2023
Che fine fanno i nostri dati? I data broker e le conseguenze della profilazione su TikTok
How to transfer the company registered office across the EU: the Italian perspective
L’evoluzione del cosiddetto UK-GDPR 7 anni dopo la Brexit: novità e rischi
Patto di non concorrenza nei rapporti con i diversi soggetti

Ti serve qualche informazione in più sull'articolo? Scrivici a info@studiolegally.com